Scelte rapide: Testo | Menu

Biblioteca
Marucelliana

Torna alla home page

Cataloghi (dettaglio)




Carteggio Giuseppe Baccini


Carteggio Giuseppe Baccini


CARTEGGIO GIUSEPPE BACCINI
a cura di
Marta Carnovale


Il Carteggio Baccini è pervenuto alla Biblioteca Marucelliana nel 1940.
In base ad una prima approssimativa pre-catalogazione, è stato ordinato cronologicamente con lettere dell'alfabeto e indicazione dei mittenti e dei destinatari, su schede manoscritte formato Staderini e, successivamente, su schede dattiloscritte.
In molte lettere sono presenti note relative ai mittenti probabilmente di mano dello stesso Baccini; altre annotazioni (date desunte dal testo e rinvii ad alcune missive) sono state apposte durante la pre-catalogazione.

Giuseppe Baccini nacque a Barberino di Mugello il 7 aprile 1851 da una famiglia modesta. Rimasto orfano e in ristrettezze economiche, si laureò in Farmacia coltivando comunque da autodidatta la sua reale passione per la letteratura.
Dopo una prima esperienza presso la farmacia di Barberino si trasferì a Firenze e lavorò nella storica farmacia del Canto alle Rondini.
Nel 1899 iniziò a lavorare presso la Biblioteca Nazionale Centrale di Firenze come impiegato straordinario entrando poi, dal 1° gennaio 1905, nei ruoli delle biblioteche governative con la qualifica di ordinatore/distributore di quinta classe conseguendo successivamente, dal 1919, la qualifica di coadiutore.
Qui trovò l'ambiente ideale per coltivare i suoi interessi e lavorare con passione producendo utili strumenti per gli studiosi come l'inventario del Fondo Niccolò Tommaseo eseguito con la collaborazione di Paolo Prunas.
Scrisse e pubblicò varie opere, fra cui il "Dizionario dell'Amore"(1913), "Lettere inedite di uomini illustri del secolo XIX" (1905), "Le ville medicee di Cafaggiolo e di Trebbio in Mugello"(1897), "Le facezie del Piovano Arlotto"(1884), "Giov. Batista Fagiuoli, poeta faceto fiorentino, notizie e aneddoti raccolti su nuovi documenti" (1886), "Carteggio politico di L. G. De Cambray Digny" (1913) scritto con la collaborazione di Marianna De Cambray Digny, figlia di Luigi Guglielmo.
Curò una edizione delle "Prediche di F. Girolamo Savonarola" (1889) e "Giuseppe Mazzini, notizie tratte dalle carte di Piero Cironi" (1901).
Collaborò ad alcuni periodici fra cui la "Rivista delle biblioteche", "La Nazione", "La rassegna nazionale", "Il Risorgimento italiano"; diresse per brevi periodi "Il Fanfani Giornale di filologia, lettere e scienze", il "Bollettino storico letterario del Mugello" che dal 1902 prenderà il nome di "Giotto, Bollettino storico letterario artistico del Mugello".
Fu anche regio delegato scolastico nel Mugello e ispettore ai monumenti per il Mugello mantenendo forti legami con il suo paese natale.
Morì a Firenze il 17 novembre 1922.



ORDINAMENTO PER


Logo ADOBE COLLOCAZIONE    Logo ADOBE MITTENTE    Logo ADOBE DESTINATARIO




Torna su


Le sezioni del sito:

I link del menu sono attivabili mediante apposite scorciatoie da tastiera.

Copyright © Biblioteca Marucelliana 2000-2018

Torna su