Testo | Menu

Biblioteca
Marucelliana

Torna alla home page

Archivio Eventi (dettaglio)

 

10 dicembre 2008 - 9 aprile 2009
Mostra "Documenti dei Macchiaioli dal Fondo Vitali. Carte edite e inedite"



Mostra DOCUMENTI DEI MACCHIAIOLI DAL FONDO VITALI. CARTE EDITE ED INEDITE - loghi
MACCHIAIOLI
Scarica la locandina dell'evento



Biblioteca Marucelliana
mercoledì 10 dicembre 2008, ore 17.30



Inaugurazione della Mostra

 Documenti dei Macchiaioli dal Fondo Vitali.
Carte edite e inedite



Interventi:

Antonio Gherdovich
Direttore generale dell'Ente Cassa di Risparmio di Firenze

Carlo Sisi
Coordinatore scientifico del progetto "Firenze per Fattori"

Monica Maria Angeli
Responsabile dei manoscritti e rari Biblioteca Marucelliana

Silvio Balloni
Storico dell'arte



La mostra
aperta al pubblico nel periodo


10 dicembre 2008 - 15 febbraio 2009

è stata prorogata fino al
9 aprile 2009

con il seguente orario:
lunedì-venerdì  9.00-18.00
sabato 9.00-13.00
domenica e festivi chiusa



GUIDA alla MOSTRA

Con testamento olografo del 15 luglio 1987 pubblicato il 14 gennaio 1993, Lamberto Vitali grande collezionista di opere d'arte, sceglieva come destinatarie della propria raccolta, stupefacente per quantità e qualità, istituzioni aperte al pubblico, la Galleria degli Uffizi, la Pinacoteca di Brera, il Comune di Milano, la Pinacoteca Ambrosiana, la Raccolta Bertarelli del Castello Sforzesco, il Gabinetto dei disegni della Pinacoteca di Brera. Alla Marucelliana di Firenze, quasi ad integrare e completare le raccolte del Legato Martelli, lasciava "l'archivio di Adriano Cecioni, l'opuscolo di Whistler con la dedica a Telemaco Signorini, i cataloghi delle esposizioni tenute nell'Ottocento dalla Società Promotrice di Belle Arti di Firenze, l'album di fotografie già di Telemaco Signorini (…)" Al Legato Vitali, acquisito dalla Biblioteca nel 2003 e finito di catalogare quest'anno, la Marucelliana dedica questa mostra che si affianca a quella della Fondazione Alinari.
L'esposizione, promossa da Carlo Sisi e curata da Monica Maria Angeli e Silvio Balloni si collega alla mostra I Macchiaioli e la fotografia e privilegia, all'interno del Legato, i documenti significativi dei rapporti dei macchiaioli con la cultura europea, attraverso lettere e manoscritti editi e inediti affiancata ad un'ampia documentazione fotografica proveniente dall'archivio di Signorini e da quello di Cecioni.
La vetrina centrale è dedicata alla figura di Signorini del quale per la prima volta si presenta al pubblico il prezioso album fotografico personale e la traduzione autografa dell'opuscolo critico di James Abbott McNeill Whistler, Whistler v. Ruskin: Art & art critics.
Le prime due vetrine ospitano la documentazione della collaborazione di Adriano Cecioni con la rivista Vanity Fair per la quale l'artista nel corso del 1872 realizzò ventisei caricature dei principali esponenti della società politico culturale londinese.
Alla documentazione di Giovanni Fattori conservata dalla Marucelliana nei diversi fondi è dedicata la terza vetrina che presenta documenti provenienti dal Legato Martelli, dal Vitali, e anche dal fondo Angelo Bruschi, che, ancora in fase di catalogazione, già si annuncia miniera di notizie utili per la storia della cultura fiorentina ed italiana della fine del XIX ed inizi del XX secolo. Angelo Bruschi è stato infatti direttore della Marucelliana dal 1891 al 1924, anni che hanno visto acquisire il Legato Martelli, il fondo Bonamici e parte di quello di Enrico Nencioni.
Altre due vetrine, la quarta e l'ottava, illustrano aspetti della vita e dell'opera di Adriano Cecioni; in particolare nella quarta sono esposti documenti relativi ai rapporti commerciali avuti da Cecioni sia con la fonderia pistoiese di Carradori sia con la fonderia parigina Louis Martin. Nella ottava agli effetti personali dell'artista sono accostate fotografie di Carducci, Nencioni e del poeta romano Cesare Pascarella tanto amato dai Macchiaioli.
Le rimanenti vetrine, quinta sesta e settima, offrono uno spaccato della varietà di documenti presenti nel Legato: foto di gruppo e fotografie di Zandomeneghi, Ussi, Costoli, ma anche del pittore Corot che alcuni macchiaioli conobbero in Francia e di quel Robert Browning che introdusse molti di loro nell'ambiente londinese. Le lettere di Cristiano Banti, di Giovanni Boldini, di Stefano Ussi, di Vincenzo Cabianca e di Giuseppe De Nittis trattano argomenti svariati; ora commentano articoli critici comparsi nei quotidiani, ora chiedono a Cecioni consigli, ora descrivono l'ambiente parigino che può fare la fortuna, anche economica, di un artista.


Per informazioni: 055 27 22 222


Torna su

Le sezioni del sito:

I link del menu sono attivabili mediante apposite scorciatoie da tastiera.

Copyright © Biblioteca Marucelliana 2000-2017

Torna su